Salta al contenuto principale

SBAGLIATO NON AVER ACCOLTO LA NOSTRA PROPOSTA DI SUPERARE LA LEGGE DRAGHI

Feb
/
09
/
2023
La miniproroga serva per la soluzione definitiva della questione balneare
sib-miniproroga

Prendiamo atto, con rispetto, della volontà della  maggioranza di governo di emanare una miniproroga di un anno della scadenza delle concessioni e di cinque mesi per regolare le gare istituendo un tavolo per la mappatura.

Si tratta del resto di termini, di fatto già scaduti e oramai impossibili da rispettare sia per quanto riguarda l'emanazione dei decreti attuativi che doveva avvenire entro l'ormai prossimo 27 febbraio che per le decine di migliaia di gare che i comuni avrebbero dovuto fare entro la fine di quest'anno.

Auspichiamo che questa miniproroga serva non per applicare norme pasticciate e frettolose, ma per finalmente adottare, con il coinvolgimento delle Regioni e dei Comuni, quella soluzione strutturale e definitiva annunciata giorni fa dal presidente Meloni.

È necessario, nell'interesse del Paese, superare la disciplina varata dal precedente Governo che, a nostro avviso, presenta molteplici criticità  foriere di gravi conflitti istituzionali (v. la pianificazione di esclusiva competenza regionale) e di esteso contenzioso (v. la nullità degli atti già rilasciati) in danno dei Comuni.

Ci aspettiamo che tutti affrontino con senso di responsabilità e senza polemiche strumentali questa questione che, ricordiamo, riguarda un modello di balneazione attrezzata che il Mondo ci invidia, costruito da decine di migliaia di famiglie di onesti lavoratori che rischiano di perdere il lavoro e il frutto del loro lavoro.

Il Presidente Tonino Capacchione