Salta al contenuto principale

L'AUMENTO DEL 25,15 % DEI CANONI DEMANIALI È INGIUSTIFICATO E INGIUSTO

Dic
/
31
/
2022
VA REVOCATO E COMUNQUE SOSPESO IN ATTESA DI UN DOVEROSO RIORDINO DEI CRITERI DI DETERMINAZIONE DEGLI STESSI
aumento-canoni-demaniali

Cari amici e colleghi,
Il ministero delle Infrastrutture ha comunicato ieri agli Enti competenti la variazione dell'indice ISTAT dei canoni demaniali per l'anno 2023.

Si tratta di un aumento del 25,15 % con il canone minimo di euro 3.377,50  (tremilatrecentosettantasette/50).

È un provvedimento ingiustificato e ingiusto.

Ingiustificato perché è  più del doppio dell'indice ISTAT registrato nel 2022 (11,5% - Comunicato ISTAT del 16 dicembre u.s.) e più del triplo dell'inflazione (8,1% Comunicato ISTAT del 30 novembre u.s.).

Ed è ingiusto perché esaspera un meccanismo di determinazione dei canoni sbagliato in quanto non parametrato alla effettiva redditività dell'area oggetto di concessione e disincentivante rispetto agli investimenti per il potenziamento dei servizi balneari.

Già adesso, infatti, c'è chi paga tanto e chi relativamente poco in riferimento a questi doverosi criteri.

Senza parlare delle ormai note ingiustizie sui costi economici dei concessionari balneari con l'aliquota IVA al 22 % a differenza di tutte le aziende turistiche per le quali è al 10 %, la TARSU sull'intera area anche laddove e quando è  improduttiva di rifiuti o l'IMU ancorché considerati affittuari.

Chiederemo la revoca del provvedimento e comunque la sua sospensione in attesa di  un opportuno e doveroso riordino dei criteri di determinazione dei canoni che li renda  giusti ed economicamente sopportabili.

🖋 Tonino Capacchione e Maurizio Rustignoli